Il tasto desto del mouse è disabilitato su questo sito. Tutte le foto sono coperte da copyright, tutti i diritti sono riservati.

Selene e l’importanza del Colore

Ritratto fotografo Cuneo, modella: Selene

Prima del Corona-virus, quando ancora si poteva passeggiare per Cuneo, ho scattato questa piccola serie di foto.

Con Selene ci siamo aggirati per il centro e abbiamo giocato un po' con gli angoli urbani in giro per le stradine.

Queste foto sono le prime su coi ho iniziato un approfondito studio sui colori.

Ho infatti deciso, un po' per volta, di abbandonare totalmente il bianco e nero!

Le foto in bianco e nero sono d'impatto perchè sono pura forma. Per il fotografo ovviamente sono anche molto più facili da gestire rispetto a quelle a colori che hanno mille problematiche di dominanti e di cromie poco coerenti.

Ecco, sono convinto che con un uso sapiente del colore si possa ottenere lo stesso "impatto" di una foto in bianco e nero ma con un qualcosa in più: d'altra parte il nostro occhio vede a colori!

All'inizio il bianco e nero era una limitazione dovuta alle prime macchine fotografiche, ma ora che questa limitazione non c'è più, perché dobbiamo continuare a scattare foto come facevamo 100 anni fa?

Tutto questo mi sta coinvolgendo in uno studio approfondito fatto anche di sperimentazione perché non esistono corsi o libri sulla gestione del colore in fotografia dal punto di vista comunicativo e espressivo.

Esistono solo corsi che riguardano la gestione"tecnica" del colore, misurazione, classificazione, lunghezza d'onda e specifiche tecniche per la stampa.

Ma nessuno indaga invece sull'aspetto puramente creativo, sulla significatività del colore e su quali abbinamenti risultano più piacevoli all'occhio umano.

Oppure, altrettanto interessante, capire quale sia la tipologia di colore migliore per veicolare un certo messaggio con la fotografia. Cosa che ad esempio nel design in pubblicità, riveste un'importanza incredibile.

E così ho dovuto partire dalle varie teorie dei colori create per la pittura, come Goethe, Holzel, Munsen o Itten e adattarle alla fotografia.

E ho dovuto studiarmi il lavoro di un sacco di fotografi per capire l'uso che ognuno fa dei colori.

Ma ho scoperto cose interessanti che stanno condizionando molto il mio modo di lavorare e mi stanno dando anche molta soddisfazione!

Insomma, ecco perchè ho deciso abbandonare il bianco e nero: il colore è universo molto più grande, interessante e tutto da scoprire!

Leave a comment